Falsa testimonianza: l’art 372 cp, pena e prescrizione

falsa testimonianza

Fare una falsa testimonianza” può portare ad avere seri problemi con la Legge. La falsa testimonianza infatti è un reato previsto dall’art 372 del codice penale.
Ma quando scatta la falsa testimonianza?
Mi chiamo Mattia Fontana, sono un Avvocato penalista. Se necessiti di una consulenza puoi rivolgerti al mio studio legale penale a Roma. In questo articolo ti parlerò del reato di falsa testimonianza, dell’art 372 cp, della pena e della prescrizione previste per questo reato.

Stai cercando un Avvocato penalista ed hai bisogno di una consulenza? Contattami!

Il reato di falsa testimonianza è un reato contro l’amministrazione della giustizia.
Bene giuridico tutelato è il corretto funzionamento dell’attività giudiziaria sia per quanto concerne la veridicità che la completezza della testimonianza.
Nel prosieguo dell’articolo tenteremo di dare risposta a numerose domande tra cui, forse, la più gettonata: cosa si rischia con una falsa testimonianza?
Scopriamolo.

 
 

Falsa testimonianza: significato [ torna al menu ]

Prima di analizzare i casi in cui una testimonianza può essere considerata come falsa, va chiarito cosa si intende per “testimonianza“.
La testimonianza è un mezzo di prova previsto dalla Legge agli articoli 194 e successivi del codice di procedura penale.
La testimonianza serve per provare un determinato fatto. Attraverso questo strumento accusa e difesa possono provare rispettivamente la colpevolezza o l’innocenza dell’imputato.
I testimoni possono essere indicati in un atto che nella procedura penale viene chiamato “lista testi“. Attraverso questo documento, da depositare almeno sette giorni prima della data fissata per il dibattimento, il tuo Avvocato può indicare le persone che sono a conoscenza dei fatti e possono testimoniare sulla tua innocenza.
Queste persone verranno poi citate a comparire in udienza durante il dibattimento ed alle stesse verranno rivolte delle domande volte a provare la tua innocenza.

 

Chi può essere testimone? [ torna al menu ]

Il testimone è un soggetto che per vari motivi (ad esempio perché ha assistito ai fatti) è a conoscenza di un determinato fatto.
Potenzialmente tutti i soggetti possono ricoprire l’ufficio di testimone con alcuni limiti che a breve vedremo.
I testimoni hanno innanzitutto degli obblighi indicati precisamente dalla Legge. In primo luogo hanno l’obbligo di presentarsi. Se vieni citato come testimone non puoi rifiutarti di testimoniare. In secondo luogo il testimone ha l’obbligo di rispondere secondo verità alle domande che gli sono rivolte. Infine va precisato che non può essere obbligato a testimoniare sui quali potrebbe emergere una sua responsabilità penale.
Come dicevamo qualsiasi soggetto può essere citato come testimone. Tuttavia la Legge prevede che alcuni soggetti possano astenersi dal testimoniare. Hanno una facoltà di astensione i prossimi congiunti dell’imputato e chi può opporre un segreto professionale (es. Avvocati, Notai, Medici).
Non possono invece essere obbligati a deporre quei soggetti che hanno un segreto di ufficio o un segreto di stato.
Quest’ultima considerazione vale anche per i coimputati del medesimo reato o le persone imputate in un procedimento connesso, salvo che nei loro confronti sia stata pronunciata sentenza irrevocabile di proscioglimento o di condanna.

 

L’art 372 cp [ torna al menu ]

L’art 372 cp punisce chiunque deponga come testimone davanti all‘Autorità giudiziaria o alla Corte penale internazionale e afferma il falso o nega il vero, oppure tace, in tutto o in parte, ciò che sa intorno ai fatti sui quali è interrogato.
Per quanto concerne la pena prevista dalla norma, ne parleremo più avanti. Per il momento va evidenziato come la falsa testimonianza costituisca un reato proprio. Si tratta cioè di un reato che può essere commesso esclusivamente da chi ricopre l’ufficio di testimone.
Il reato si configura inoltre anche nel caso in cui dalla falsa testimonianza non discendano conseguenze negative per un soggetto.
Ciò che rileva per fare in modo che il reato in esame possa dirsi integrato è la differenza tra quello che il testimone dichiara e quello di cui è a conoscenza, non rilevando invece la differenza tra la dichiarazione e quanto è successo nella realtà.

 

Falsa testimonianza nel processo civile [ torna al menu ]

Testimoniare il falso è un reato solo se lo si fa davanti al Giudice penale oppure non è rilevante quale sia l’autorità giudiziaria competente?
Leggendo attentamente l’art 372 cp, l’espressione utilizzata dalla norma è “autorità giudiziaria”. Ciò vuol dire che indipendentemente da quale sia l’autorità giudiziaria competente, se il testimone dichiara il falso il reato di falsa testimonianza verrà integrato.
In seguito gli atti verranno trasmetti alla Procura della Repubblica competente e inizierà il procedimento penale a carico di chi ha dichiarato il falso.

 

Falsa testimonianza: pena [ torna al menu ]

La pena prevista per il reato di falsa testimonianza è la reclusione da due a sei anni.
Il codice penale prevede all’art 376 cp una causa di esclusione della punibilità quando il testimone ritratta le proprie dichiarazioni. Tale ritrattazione deve avvenire prima della dichiarazione di chiusura del dibattimento nel processo penale o prima della sentenza definitiva nel processo civile.
La Legge prevede inoltre una ulteriore causa di non punibilità quando la falsa testimonianza sia stata commessa da chi vi sia stato costretto per salvare se stesso o un prossimo congiunto da un grave ed inevitabile danno nella libertà o nell’onore. La stessa norma si applica a chi per legge non avrebbe dovuto essere ascoltato come testimone, o non avrebbe potuto essere obbligato a deporre o comunque rispondere, o avrebbe dovuto essere avvertito della facoltà di astenersi dal rendere testimonianza.

 

Falsa testimonianza: prescrizione [ torna al menu ]

Qual è il termine di prescrizione del reato di falsa testimonianza?
Va anzitutto precisato che on il termine “prescrizione” si intende la causa estintiva del reato che si verifica nei casi in cui non sia stata pronunciata una sentenza definitiva nei confronti dell’imputato entro un dato termine temporale individuato dalla Legge.
Il termine coincide (in assenza di atti interruttivi) con la pena prevista per ogni singolo reato, ma non può essere inferiore ai sei anni in caso di delitto e quattro anni in caso di contravvenzione.
La falsa testimonianza è un delitto, pertanto il termine di prescrizione non potrà essere inferiore ai sei anni.
Il reato di cui all’art 372 cp, si prescriverà pertanto in sei anni (tempo che aumenta fino a sette anni e sei mesi se ci sono atti interruttivi della prescrizione).

Obiettivo primario dello Studio Legale Penale di Roma fondato dall’Avvocato penalista Mattia Fontana, è quello di garantire la miglior difesa e tutela per i propri assistiti.
Se necessiti di un Avvocato esperto in diritto penale a Roma contattami per una consulenza.

 

Querela per falsa testimonianza [ torna al menu ]

Il codice penale per questo reato prevede la procedibilità d’ufficio.
Ma cosa significa?
Per alcuni reati è prevista una procedibilità “a querela di parte“. In questi casi è assolutamente necessario che la persona offesa presenti una querela per chiedere la punizione del presunto responsabile. Se non viene sporta una querela il procedimento penale non inizierà.
Diversamente, i reati “procedibili d’ufficio” non necessitano di un atto di querela proveniente dalla persona offesa perché il procedimento penale inizi.
La falsa testimoninza è in reato prodecivile d’uffico pertanto non è necessario che venga presentata alcuna querela. Gli atti verranno trasmessi immdiatamente alla Procura della Repubblica competente ed il procedimento penale inizierà.

 

Condanna per falsa testimonianza [ torna al menu ]

Come già evidenziato, testimoniare il falso può comportare il rischio di dover affrontare un procedimento penale.
Nella prima fase il P.M. e la Polizia Giudiziaria svolgeranno le indagini. Il processo vero e proprio verrà celebrato solamente nell’ipotesi in cui il Pubblico Ministero non avanzi una richiesta di archiviazione.
A questo punto potrai presentare prove documentali o portare testimoni ed all’esito del dibattimento il Giudice pronuncerà la sentenza.
Secondo un orientamento della Corte di Cassazione, nonostante l’interesse tutelato dalla norma sia il corretto funzionamento dell’attività giudiziaria, la persona danneggiata dal reato di falsa testimonianza può costituirsi parte civile nel futuro processo penale (Cass. n. 15200/2011).
In caso di sentenza di condanna quindi ti esporrai non solo alla pena prevista per questo reato ma anche al risarcimento del danno della parte civile costituita.

 

Falsa testimonianza: conclusioni [ torna al menu ]

La falsa testimonianza, (art 572 cpclicca qui per prenderne visione)come visto, è un reato contro l’amministrazione della giustizia posto a tutela del corretto funzionamento dell’attività giudiziaria.
Come visto essendo un reato procedibile d’ufficio non sarà necessaria alcuna querela per far cominciare il procedimento penale.
Per questo motivo, ti consiglio di rivolgerti ad un Avvocato penalista che sappia indicarti la giusta strategia anche in vista di un eventuale processo penale.
Se sei indagato per aver commesso il reato di falsa testimonianza, oppure ne sei vittima, contattami.

Stai cercando un Avvocato penalista ed hai bisogno di una consulenza? Contattami!

Lascia un commento