Sert: cos’è e come funziona

sert

Che cos’è il Sert? Come funziona? Chi soffre di una dipendenza dalla droga purtroppo, se vuole risolvere i suoi problemi con la legge, oltre che quelli legati alla sostanza stupefacente, prima o poi dovrà porsi questa domanda.
Mi chiamo Mattia Fontana ed esercito la professione di Avvocato penalista a Roma. In questo articolo ti parlerò del Sert, di cosa significa la parola Sert e di come funziona.

Stai cercando un Avvocato penalista ed hai bisogno di una consulenza? Contattami!

La droga costituisce solo una delle tante dipendenze che un soggetto può trovarsi ad affrontare. Una dipendenza può portare problemi fisici, psicologici ma anche problemi con la Legge.
In questi casi strutture come il Sert possono aiutare la persona ad uscire da queste situazioni. Vediamo allora cosa si può fare per evitare conseguenze disastrose sulla propria persona legate ad una dipendenza.

 
 

Sert: cos’è [ torna al menu ]

Istituiti secondo i criteri della Legge 26 giugno 1990, n. 162 i Servizi per le Tossicodipendenze (Ser.T) o Servizi per le dipendenze patologiche (Ser.D) sono servizi pubblici del Sistema Sanitario Nazionale dedicati alla cura, alla prevenzione e alla riabilitazione delle persone che hanno problemi conseguenti all’abuso di sostanze stupefacenti, alcol e dipendenze come il gioco d’azzardo patologico (cd. ludopatia).
I SerT sono presenti in ogni Distretto Sanitario. In Italia si contano circa 550 SerT, i quali pongono in essere numerose collaborazioni con altri settori della sanità e con organizzazioni private.
Nei SerT lavorano diverse figure professionali qualificate: medici, psicologi, assistenti sociali, educatori, infermieri.

 

Che differenza c’è tra SerT e SerD [ torna al menu ]

I SerD hanno progressivamente sostuito i vecchi SerT, allargando in tal modo il concetto di “dipendenza”. Al loro interno, i SerD, ricomprendono le funzioni e l’organizzazione stabiliti per i vecchi Sert, ma estendono i loro interventi agli ambiti relativi alle sostanze d’abuso legali (alcol) ed a quelli delle dipendenze comportamentali (gioco d’azzardo).
Se stai cercando un Sert a Roma oppure nella regione Lazio fai clic qui.

 

Sert: come funziona [ torna al menu ]

Risulta indicato rivolgersi al SerT quando vi sia un uso di sostanze occasionale, abituale o quotidiano (e quindi con uno stato di dipendenza). 
Le visite presso il SerT sono gratuite, non c’è bisogno della prescrizione medica e sono ad accesso libero negli orari e nei giorni stabiliti da ciascuna azienda sanitaria.
I SerT forniscono diagnosi, effettuano prestazioni volte ad orientare il paziente ed a supportarlo psicologicamente anche attraverso terapie.

 

Cosa succede se vado al Sert? [ torna al menu ]

Cominciamo con il dire che tanto la legge quanto la deontologia vincolano gli operatori del Ser.D al segreto professionale; inoltre se la persona lo richiede i suoi dati anagrafici possono non essere registrati al fine di garantirgli l’anonimato.
Diverso trattamento è riservato alle persone minorenni, in quanto è necessario far riferimento a chi esercita la responsabilità genitoriale.
Di base l’utente entra da subito in contatto con un assistente sociale che lo accoglie con un primo colloquio.
Viene quindi compilata la cartella personale (raccogliendo al suo interno la richiesta dell’utente ed eventualmente i suoi dati personali), vengono spiegati gli obiettivi della struttura, e vengono presentate le figure professionali di riferimento con le quali andrà, in un secondo momento, concordato il programma di recupero socio – riabilitativo.

Obiettivo primario dello Studio Legale Penale di Roma fondato dall’Avvocato penalista Mattia Fontana, è quello di garantire la miglior difesa e tutela per i propri assistiti.
Se necessiti di un Avvocato esperto in diritto penale a Roma contattami per una consulenza.

 

Quanto dura il percorso al Sert? [ torna al menu ]

Il programma terapeutico prevede obiettivi a lungo termine. Solitamente nella fase iniziale vengono disposti dei colloqui con le figure professionali di riferimento, finalizzati a valutare la situazione nella sua complessità. Il SerT si pone poi l’obiettivo di affrontare e tentare di risolvere gli eventuali problemi di salute fisica e psichica attraverso un percorso di riabilitazione.
Le prestazioni si svolgono prevalentemente nella sede principale ma anche in altre strutture quali le carceri, in ospedale o nelle comunità.
Il SerT infine ha la competenza di certificare lo stato di tossicodipendenza, requisito imprescindibile se si vuole accedere all’affidamento in prova e scontare la pena fuori dal carcere.

 

Il Sert è obbligatorio? [ torna al menu ]

Andare al Sert non è obbligatorio, tuttavia in alcune situazioni è altamente consigliato, soprattutto quando si tratta di evitare il carcere. I soggetti che hanno un problema con una dipendenza da droga o da alcol possono infatti chiedere l’affidamento in prova in casi particolari.
L’affidamento in prova per soggetti tossicodipendenti è una misura alternativa alla detenzione (fai clic qui per sapere cosa sono) ed è disciplinato dall’art. 94 D.P.R. 309/1990.
L’accesso a tale misura richiede la sussistenza di requisiti soggettivi ed oggettivi.
Requisiti soggettivi sono lo stato di tossicodipendente o alcoldipendente del condannato e che vi sia un programma di recupero in corso o l’intenzione di sottoporvisi.
Lo status di dipendenza deve essere attuale al momento in cui viene eseguita la pena; non è invece necessario che vi sia correlazione tra la dipendenza ed il reato commesso.
Altro requisito soggettivo è che il programma di recupero a cui il condannato è sottoposto o al quale intende sottoporsi deve essere concordato con una azienda sanitaria locale o con una struttura privata autorizzata.
Non è invece più sufficiente la dichiarazione di una comunità terapeutica disposta ad accogliere il condannato.
È necessario munirsi della certificazione attestante l’attualità della dipendenza da stupefacente o da alcol.
All’istanza vanno dunque allegati, a pena di inammissibilità: la certificazione attestante lo stato di dipendenza, il programma terapeutico concordato con una azienda sanitaria locale o con una struttura privata autorizzata.
Presupposto oggettivo consiste nell’entità della pena detentiva inflitta o da scontare che non deve essere superiore a sei anni.

 

Sert: conclusioni [ torna al menu ]

Come hai potuto leggere, recarsi tempestivamente al Sert risulta di fondamentale importanza sia per la propria salute sia per risolvere i problemi con la Legge.
Prendere coscienza delle proprie dipendenze ed affrontare un programma terapeutico può davvero rappresentare una svolta nella propria vita.
Se hai una dipendenza ed hai commesso un reato, contattami al fine di capire qual è la strategia legale da adottare per risolvere il tuo problema con la Legge.

Per ulteriori approfondimenti visita l’apposita sezione del sito dedicata ai reati in materia di stupefacenti.

Se invece il tema è di tuo interesse puoi leggere altri articoli correlati:

Che succede se mi trovano con della droga?

Stai cercando un Avvocato penalista ed hai bisogno di una consulenza? Contattami!