Fare sesso con una minorenne è reato?

fare sesso con una minorenne è reato?

Fare sesso con una minorenne è reato?
Mi chiamo Mattia Fontana ed esercito la professione di Avvocato penalista a Roma. In questo articolo ti spiegherò in quali casi fare sesso con un soggetto minorenne è considerato dalla Legge un reato.
Per fare questo ti parlerò del reato di atti sessuali con un minorenne, previsto dall’art 609 quater cp.

Stai cercando un Avvocato penalista ed hai bisogno di una consulenza? Contattami!

Spesso infatti si è portati a pensare che in Italia fare sesso con un soggetto minorenne, di qualunque sesso e di qualsiasi età sia vietato.
Ma è davvero così? Andare a letto con una minorenne è reato? Qual è l’età del consenso nel nostro paese?

 
 

Qual è l’età minima per fare sesso? [ torna al menu ]

Cominciamo con il dire che in Italia l’età del consenso (ossia l’età in cui una persona è considerata capace di dare il proprio consenso a compiere atti sessuali) è pari a 14 anni.
A differenza che in altri paesi del mondo, dove l’età del consenso media è più alta (solitamente è pari a 16 anni), nel nostro paese non è considerato reato fare sesso con un soggetto che non ha compiuto 18 anni ma ne ha compiuti 14.
La legge italiana considera infatti adeguata l’età di 14 anni affinché un soggetto possa disporre liberamente e consapevolmente della propria sfera sessuale.
Ciò significa che, indipendentemente dalla differenza di età, andare a letto con una persona che ha compiuto 14 anni non è mai considerato reato (sempre se c’è il suo consenso).
Fare sesso con un minorenne che non ha compiuto 14 anni invece è sempre reato anche nel caso in cui il soggetto abbia dato il suo consenso.
Talvolta la legge fa delle eccezioni.
In alcuni casi l’età del consenso si “alza” a 16 anni, quando il colpevole sia l’ascendente, il genitore anche adottivo oppure il convivente, il tutore o altra persona che per ragioni di cura, educazione, istruzione, vigilanza o custodia ha in affidamento il minore o abbia con quest’ultimo una relazione di convivenza.
In altre ipotesi l’età del consenso si “abbassa”. Ciò avviene ad esempio quando un soggetto minore di 18 anni fa sesso con una persona di 13 anni ma l’età tra i due non supera i 4 anni. Il primo deve quindi avere al massimo 17 anni. In tal caso non c’è alcun reato.

Obiettivo primario dello Studio Legale Penale di Roma fondato dall’Avvocato penalista Mattia Fontana, è quello di garantire la miglior difesa e tutela per i propri assistiti.
Se necessiti di un Avvocato esperto in diritto penale a Roma contattami per una consulenza.

 

Cosa succede se faccio sesso con una minorenne? [ torna al menu ]

Ma cosa rischia dunque chi fa sesso con una persona che non ha ancora compiuto 14 anni?
La legge sul punto è chiara: l’art. 609 quater (clicca qui per prendere visione dell’articolo) del codice penale rubricato appunto “atti sessuali con minorenne” (dove per minorenne si intende il soggetto che non ha compiuto l’età che la legge identifica come età del consenso) prevede la pena della reclusione da 6 a 12 anni (si applicano le pene previste dall’art. 609 bis c.p. n.d.r.).

 

E se il soggetto sembra più grande? [ torna al menu ]

Che succede nel caso in cui il minorenne apparentemente sembra avere più di 14 anni oppure nel caso in cui menta sulla propria età?
Anche sul punto la legge è chiara: l’art. 609 sexies del codice penale dispone che: “il colpevole non può invocare a propria scusa l’ignoranza dell’età della persona offesa, salvo che si tratti di ignoranza inevitabile“.
Che vuol dire?
La Corte di Cassazione, è tornata recentemente sul punto con la sentenza n. 47293/2021 ritenendo che “l’ignoranza da parte del soggetto dell’età della persona offesa, scrimina la condotta solo qualora egli, pur avendo proceduto diligentemente ai dovuti accertamenti, sia indotto a ritenere, sulla base di elementi univoci, che il minorenne sia maggiorenne; ne consegue che non sono sufficienti le sole rassicurazioni verbali circa l’età fornite dal minore, o da terzi, soprattutto se fornite in maniera ambigua”.
In parole povere, secondo la Suprema Corte, non è sufficiente che il minorenne (sempre in relazione all’età del consenso) ci rassicuri sul fatto di avere 14 anni, ma è necessario compiere degli accertamenti ulteriori e più approfonditi, fino a chiedere un documento di riconoscimento.
Se ritieni di trovarti in una situazione simile a quella appena descritta ed hai bisogno di un Avvocato contattami.

Per ulteriori approfondimenti visita l’apposita sezione relativa ai reati sessuali presente sul sito.

Stai cercando un Avvocato penalista ed hai bisogno di una consulenza? Contattami!